Tophost

Mac - Stampare a colori con Ricoh Aficio MP C2050

google-plus Scritto da . Postato in Mac OSX

Negli ultimi giorni ho avuto a che fare con un problema che mi ha dato del vero filo da torcere: L'uso della stampante multifunzione Ricoh Aficio MP C2050 in un ufficio nel quale in rete vi sono collegati via ethernet 2 iMac e 2 PC Windows (8.1 e 10) e un altro in wi-fi con Windows 7.

La problematica nel gestire una rete così fatta, è quella di usufruire dei sistemi di comunicazione tra sistemi operativi per far si che si comunichino tra di loro senza troppe interferenze: L'accesso alle cartelle Windows attraverso Samba e l'impostazione delle credenziali per l'accesso alle cartelle pubbliche condivise tra i vari PC.

Il tutto sembra funzionare bene, fino a che non fa la comparsa in ufficio la stampante protagonista di questo articolo: Una Ricoh Aficio MP C2050. Al vederla, sembra una meravigliosa stampante da ufficio, pure compatta con 2 vassoi uno per i fogli A4 e uno per gli A3, Scanner e la possibilità di installarvi un refiner(in questo caso non installato).

Si dice che generalmente è Windows a generare un sacco di problemi con le disparate periferiche. Ma in questo caso è il contrario! Windows, vede nella sua interezza Scanner e stampante potendo stampare in bianco e nero e a colori. I due Mac invece sono in netta difficoltà a riconoscerla; Anche se vi sono installati i driver della stampante forniti proprio dalla casa costruttrice.

Uso dello Scanner su Mac (e Windows)

Per lo Scanner, non è un problema. In fondo, l'uso e la possibilità di scaricare le scansioni, lo si fa agevolmente digitando l'indirizzo IP della stampante direttamente da Safari. Non sarà elegante, ma dall'interfaccia web, la stampante da la possibilità di scaricare su Mac i file memorizzati nella sua memoria interna e all'occorrenza cancellarli. Ovviamente, nelle impostazioni dello scanner, direttamente dal pannello della stampante, dovrerte mettere la possibilità di salvare le scansioni su HDD + Cartella (remota o su un PC della rete).

Impostare una stampante generica (Bianco e Nero)

Per quanto riguarda la stampa, un modo semplice per poter utilizzarla se vi è indifferente usarla a colori, è quello di andare su

  1. Preferenze di Sistema > Stampa e Scanner e cliccare su + in basso a destra della finestra che appare.
  2. Scegliete IP come tipo stampante e digitate poi nell'apposito spazio l'indirizzo di rete della Aficio.

ricoh aficio mp2050 su mac

  1. Datele un nome a vostra discrezione con la quale sarà poi identificata la stampante durante l'uso
  2. Scegliete nel campo Usa: come tipo driver Stampante PCL generica.

ricoh aficio mp2000 on mac 03

La precedente configurazione, vi permetterà senza colpo ferire di utilizzare la stampante Ricoh in bianco e nero senza nessun vincolo ma anche senza poter dare nessuna personalizzazione alla stampa. Non parliamo di sfruttare appieno le potenzialità di stampa  o i colori che metterebbe a disposizione. Un po' triste a dire il vero.

Il problema Postscript dei driver Ricoh

Potreste anche scaricare e installare i driver nativi, dalla pagina:

Aficio MP C2050/C2550 download page

Per Mac come potrete vedere, sono previsti i driver PPD per ogni sistema operativo, compreso l'ultimo "El Capitan". Nel mio caso i due iMac presenti in rete, sono equipaggiati con due versioni diverse del sistema operativo Apple:

  • Il primo infatti è un vecchio iMac Intel Core2 Duo potenziato da un SSD e da 4GB di RAM. A bordo vi è l'OSX 10.9 Mavericks.
  • Il secondo è un ben più recente iMac da 27" con un Intel Core i7. Viaggia con il 10.10.2 Yosemite.

La cosa sembra irrilevante, e invece nel mio caso, mi ha fatto inizialmente desistere nel cercare una soluzione per Yosemite (Prosegui la lettura per trovare la soluzione).

Se infatti installate i driver nativi, vi troverete di fronte al problema che nonostante l'installazione sia andata a buon fine e nelle Preferenze di sistema abbiate aggiunto correttamente la stampante di rete Ricoh Aficio MP C2050, con il suo driver PS (Post Script), in output da stampante, avrete solo in stampa le poche righe che seguono o simili:

%!PS-Adobe-3.0 %APL_DSC_Encoding: UTF8 %APLProducer: (Version 10.8.2 (Build 12C6…

Proseguendo poi a espellere fogli bianchi fino a interruzione del lavoro di stampa da pannello.

Ciò è dovuto (a quanto sembra e leggendo in rete) al fatto che il driver PPD nativo è valido solamente se la stampante Ricoh in vostro possesso monta una scheda Postscript o è abilitata a interpretarne il linguaggio. In caso contrario, il risultato come vi ho appena descritto è davvero frustrante.

Stampare a colori

Come dicevo prima, tuttavia una soluzione per stampare a colori c'é e non è targata Ricoh, bensì linuxfoundation.org. 

Soluzione per Mavericks

Alla pagina che segue, potrete trovare i driver non nativi e basati su Ghostscript che vi permetteranno di aggirare il problema almeno per quanto mi riguarda fino a Mavericks:

macosx/pxlmono

Come specificato nel punto 1.3 Installation note, assicuratevi di aver installato prima del driver PPD pxlmono i pacchetti Foomatic-RIP e Ghostscript sul vostro Mac, altrimenti lo sforzo sarà inutile. Una volta fatto questo

  1. Tornate su Preferenze di Sistema > Stampa e Scanner > +
  2. A questo punto, come in precedenza, scegliete IP come tipologia stampante e inserite l'indirizzo IP della vostra Ricoh. 
  3. Inserite il nome prescelto per la stampante (per me Ricoh Color)
  4. Scegliete Usa: il driver PXL per la vostra stampante NON il PS che come già detto non funziona.

Ora provate a stampare a colori con la nuova installazione della stampante e ethoilà... 

Soluzione per Yosemite

Guardando in rete, c'é chi propone anche una soluzione valida per Yosemite. Visitate la seguente pagina sul forum Apple support:

Printer Driver for RICOH Aficio - only PostScript?

A 3/4 della discussione, l'utente bergonzzi descrive i passaggi che l'hanno portato al successo e al funzionamento della sua Ricoh Aficio MP C6000. Oltre i passaggi da me descritti, introduce l'uso di uno script/patch che potete scaricare direttamente dal link riportato nel post al punto 5. Una volta scaricato, lanciatelo. Il comando in esso contenuto, dovrebbe agire sul Sandboxing di Yosemite, aggirandone la protezione e permettendo ai vari componenti software del driver (PPD pxlmonoFoomatic-RIP e Ghostscript) di vedersi e concedere all'utente di essere utilizzati.

Come specificato nel punto 1.3 Installation note, assicuratevi di aver installato prima del driver PPD pxlmono i pacchetti Foomatic-RIP e Ghostscript sul vostro Mac, altrimenti lo sforzo sarà inutile. Una volta fatto questo:

  1. Lanciate lo script che avete scaricato dalla pagina del forum Apple support
  2. Se avete già creato la stampante su Preferenze di Sistema > Stampa e Scanner cancellatela!
  3. Ora, sempre in Preferenze di Sistema > Stampa e Scanner > +
  4. A questo punto, come in precedenza, scegliete IP come tipologia stampante e inserite l'indirizzo IP della vostra Ricoh. 
  5. Inserite il nome prescelto per la stampante (io ho scelto "Ricoh Color")
  6. Scegliete Usa: il driver PXL per la vostra stampante NON il PS che come già detto non funziona.

Per quanto riguarda il nuovo arrivato di casa Apple, Captain, non garantisco che la procedura funzioni. Mi hanno recentemente contattato per un problema analogo proprio su un Mac con questo sistema operativo e sembra che l'approccio con i driver generici e lo script non sia andato a buon fine.

Se doveste trovare soluzione a questo problema, non mancate di scrivermi, così potrò mettere a disposizione di tutti la soluzione. Grazie!!! laughing


Se hai gradito l'articolo, condividilo, basta un click!

  • logo prontopro
  • logo boutique serramento
  • koilab japan and tropical fish farm
  • Trasloco economico - gruppo Arco Traslochi
  • logo flash pulizie
  • logo revolution
  • logo planetkoi small
  • logo finiture
  • ick logo template
  • montaggio mobili trento

Realizzato da: Daniele Gagliardi
Viale Monache 3 - 38062 Arco - TN
- Contattami -

Per essere più facile ed intuitivo, il blog fa uso dei cookie, piccole porzioni di dati che consentono di capire come gli utenti navighino e ne visualizzino le pagine. I cookie non registrano alcuna informazione personale sull'utente ed eventuali dati identificabili non verranno memorizzati.