Prigionieri di un rete bucata?

google-plus Scritto da . Postato in Notizie

avatar privacy gdprScrivo oggi che è domenica per commentare l'articolo apparso su 'il Giornale.it' venerdì 10 luglio 2015 in merito a quella che nella descrizione del mondo virtuale del mondo odierno, l'autore definisce questo rapido crescere disordinato della rete come tecnocrazia.

L'articolo apparso sul giornale, è una diretta conseguenza di quello che è successo domenica 5 luglio a seguito di un furto di dati a danno di Hacking Team, società milanese che produce software spia.

 

Ti potrebbe interessare:

Hacking Team, gli spioni milanesi hackerati...

La Privacy? Secondo l'articolo (ma è la realtà) non esiste! Promesse di protezione attraverso firewall, copie di username e password non ci proteggono da essere spiati, traditi o derubati da gente male intenzionata o con il desiderio di appropriarsi di qualcosa che non gli appartiene.

Cito una frase dell'articolo che secondo me rende l'idea della rete nella quale siamo intrappolati: "Ogni parola è un muro o una stupida speranza. Se vogliono scalano, entrano, stuprano, rubano, ti sfilano dalla pelle persino l'identità. Non esistono fortezze inespugnabili."

E ora ciò che ha detto un collega commentando l'articolo: "Secondo la teoria de 'Technical debt' sviluppare un sistema software tralasciando caratteristiche desiderabili come la sicurezza equivale a contrarre un debito. L'interesse del debito aumenta col tempo. Ora stiamo semplicemente scoprendo il valore del debito accumulato nello sviluppo caotico di internet..."

Sapere chi deruba chi o dove spariscono quantità di informazioni... utopia. L'unica, secondo l'articolo in questo immenso caos che è la rete, è passare inosservati:

ilgiornale.it - Siamo prigionieri di una rete bucata

Una buona lettura e... una buona navigazione???

Se hai gradito l'articolo, condividilo, basta un click:

Aggiungi commento

I commenti lasciati dagli utenti del blog sono sempre soggetti a controllo prima di eventuale pubblicazione. I commenti non considerati adatti per contenuti, spam o forma saranno eliminati e non pubblicati. Leggi i Termini e Condizioni di utilizzo per maggiori informazioni.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Per essere più facile ed intuitivo, il blog fa uso dei cookie, piccole porzioni di dati che consentono di capire come gli utenti navighino e ne visualizzino le pagine. I cookie non registrano alcuna informazione personale sull'utente ed eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Ti invitiamo a prendere visione della nostra Informativa sulla Privacy (aggiornata il 25/05/2020). Oppure visiona la nostra Cookie Policy (aggiornata il 17/10/2019):