Ubuntu 14.04 - Apache non funziona dopo l'aggiornamento?

google-plus Scritto da .

ubuntu-14-04-ltsQualche settimana fa, dopo avere utilizzato per lungo tempo in maniera soddisfacente la versione 13.10 di Ubuntu, ho deciso di accettare la proposta del Software updater di aggiornare la distro alla 14.04 LTS.

In realtà, il passaggio è praticamente obbligato: Non ci sono più aggiornamenti ad oggi per la 13.10 e quindi, per questioni di sicurezza, meglio passare a una versione più recente del sistema operativo Debian based.

Come probabilmente già si sa, nel passaggio da una versione all'altra, Ubuntu, fa il calcolo delle applicazioni e pacchetti obsoleti, scaricando i nuovi, rimuovendo i vecchi e poi sostituendoli con l'installazione di ciò che ha appena scaricato dalla rete.

Infatti, le sorgenti dei pacchetti da una versione all'altra cambiano e questo perché le varie versioni sono studiate appositamente per compatibilità verso la distro che le ospita. Non è detto che le i programmi per la 13.10 non funzionino per esempio, ma a meno che non sia necessario, meglio non tentare la fortuna magari causando qualche conflitto che poi ci obbligherebbe a perdere tempo e forse anche a reinstallare ex novo Ubuntu.

Considerazioni a parte, quando si effettua l'upgrade del sistema operativo, compariranno schermate che vi chiederanno il vostro intervento. Questo perché file di configurazione come quelli di Grub e Apache, trovano un antagonista già compilato nel sistema e quindi c'è da prendere una decisione: Mantenere la vecchia versione o sostituirla?

Nel caso di Grub, a meno che non ci siano alcune variazioni nelle partizioni o altro, meglio sostituire a mio avviso il file di configurazione con il nuovo. Nel caso di Apache, non adoro non sostituire il file, ma dopo avere fatto un confronto, se i cambiamenti tra il file vecchio e il nuovo sono molti, opto per il mantenimento del vecchio file. Ciò mi evita di dover mettere mano nuovamente nei dile di configurazione del server web perdendo magari ore cercando di ricordarmi cosa avevo fatto la volta precedente.

Nell'ultimo upgrade alla 14.04, non ho adottato questo accorgimento perché le variazioni erano davvero poche e ho preferito 'rinfrescare' la configurazione del server web.

Finita l'installazione, ho aperto Mozilla Firefox e come sono solito fare, ho testato il funzionamento di Apache caricando un sito che sto sviluppando in locale. Risultato: Errore! page not found!

Apache aveva smesso di funzionare e non ho tardato a capirne la motivazione. Ora puntava alla directory /var/www/html/ e non più come prima alla cartella /var/www/ dove risiedono i miei lavori. Inizialmente pensavo di dover modificare il file /etc/apache2/apache2.conf ma mi sbagliavo. Seguendo anche ciò che è contenuto in questa discussione su askubuntu, ho trovato la soluzione:

Su Ubuntu, il file dove risiede la direttiva DocumenRoot di apache, è contenuta nel file /etc/apache2/sites-available/000-default.conf. Infatti, all'interno di questo file alla riga 12, è definita la root del server:

DocumentRoot /var/www/html

Questa riga va cambiata in:

DocumentRoot /var/www

O dove eravamo soliti memorizzare le cartelle a cui Apache puntava. Fatta questa modifica, sarà sufficiente aprire il terminale e eseguire il seguente comando per imporre ad Apache il restart:

sudo service apache2 restart

Una volta riavviato, Apache funzionerà così come era solito fare prima dell'aggiornamento.

Se hai gradito l'articolo, condividilo, basta un click:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

  • logo teoca
  • logo arcotraslochi
  • materexcel collabora
  • koilab japan and tropical fish farm
  • logo flash pulizie
  • revolution srl
  • logo planetkoi small
  • logo elevatori sito
  • logo finiture
  • logo prontopro
  • montaggio mobili trento

Prima di andartene...

Perché non rimanere in contatto?

Clicca sul pulsante "Mi piace" qui sotto per rimanere aggiornato su tutti i nuovi contenuti e ricevere notifica degli articoli interessanti che condivido giornalmente sulla Pagina Facebook dedicata al blog.

Puoi anche iscriverti alla newsletter se preferisci...

x

Per essere più facile ed intuitivo, il blog fa uso dei cookie, piccole porzioni di dati che consentono di capire come gli utenti navighino e ne visualizzino le pagine. I cookie non registrano alcuna informazione personale sull'utente ed eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Ti invitiamo a prendere visione della nostra Informativa sulla Privacy (aggiornata il 22/01/2020). Oppure visiona la nostra Cookie Policy (aggiornata il 17/10/2019):