Stampante Brother - Password di accesso ai Servizi Web

google-plus Scritto da . Postato in Windows

Tags: windows stampanti

In ufficio, in genere si usano stampanti laser condivise tra più postazioni per poter meglio sfruttare la potenzialità della macchina e trarne il maggior risparmio.

Se è un ufficio di grandi dimensioni in genere utilizzano le torri con possibilità di stampa in A3 e A4 a colori nonché di fare scansione di documenti fronte e retro in entrambi i formati.

Negli uffici più modesti, in genere si fa uso di stampanti più piccole in dimensioni e potenzialità, ideate per il risparmio energetico e per stampare il maggior numero di fogli possibile con un singolo toner, nonché ridurre i tempi di stampa.

Nell'ultimo periodo, ho potuto utilizzare stampanti di questo ultimo tipo appena descritto in un ufficio dove sono presenti in rete ben tre stampanti di marca Brother.

La stampante all-in-one laser monocromatica, la Brother MFC-8510DN è l'unica in rete che si interfaccia ancora con cavo di rete. Le altre due, a getto d'inchiostro utilizzate per lo più per stampe a colori in A3 e A4 e scansione di documenti fronte e retro, sono invece collegate attraverso l'antenna WiFi intregrata.

La MFC-8510DN è una compatta, rapida e pratica dotata di uno scanner che però non ha possibilità di fare fronte e retro. Ottima per un ufficio dove due o più computer necessitano giornalmente di stampare documenti in bianco e nero. Grazie alla capacità dei toner, che è possibile reperire a bassissimo prezzo anche compatibili, è in grado di stampare anche 8000 fogli con una sola cartuccia. Rapida e facile da configurare e manutenere, non ha mai dato problemi di carta inceppata ne di malfunzionamenti vari, salvo qualche piccolo dettaglio che si può dire non è colpa della macchina, bensì dei progettisti e della stessa Brother che nel mio caso non mi ha reso facile reperire le informazioni per una corretta configurazione in rete.

Ma veniamo al problema: Nel mio ufficio, vi sono due PC fissi perennemente connessi alla rete. Insieme ai desktop, vi sono almento altri tre portatili che a rotazione vengono usati per vari scopi ed anch'essi, interconnessi fra loro hanno l'accesso a tutte o alcune le funzionalità delle stampanti.

La principale, è appunto la Brother MFC-8510DN che per ovvie ragioni di costi di stampa è la stampante predefinita su ogni PC.

La configurazione della stampante, è abbastanza semplice se si usa il programma autoinstallante fornito nella scatola o se si scarica direttamente il driver dal sito di supporto.

Tuttavia le cose si complicano se volete mettere mano al pannello web based della piccola Brother. In cerca di parametri che mi consentissero una maggiore elasticità di selezione del PC di destinazione in fase di scansione documenti, mi sono avventurato nella sezione stampanti e device del pannello di controllo e selezionato la stampante interessata, ho cliccato su Proprietà dal menu contestuale.

stampante proprieta

 

Dalla finestra Proprietà, ho scelto la scheda Servizi Web e successivamente ho fatto click sul collegamento all'indirizzo di rete della stampante suggerito da Windows per raggiungere il pannello dei servizi web della stampante.

proprieta stampante servizi web

Di default non è definita una password, ma nel mio caso, il problema era che io non ero il primo tecnico a mettervi mano: il pannello e la maggioranza delle sue funzioni erano state protette da password che purtroppo non possedevo.

servizi web brother

Da qui la mia ricerca sul sito del costruttore per azzerare le impostazioni della stampante e riportarla a impostazioni di fabbrica.

Dal pannello hardware della stampante, premo menu poi 4 poi 5 e successivamente, acconsento all'azzeramento delle impostazioni fino a quel momento date alla periferica.

Torno al pannello web questa volta digitando manualmente l'indirizzo IP della stampante, ma ancora una volta una password mi impedisce di accedere alle impostazioni avanzate del mio device. Che fare ora?

La cosa più probabile è che deve essere stata impostata dal costruttore una password di default. Digito dunque su Google 'Brother password di default'. Nei risultati una pagina ufficiale suggersce nome utente 'admin' e password 'access'. Nel mio pannello non viene richiesto nessun nome utente, procedo dunque con la sola password: non è corretta! Provo ancora altre simili dummies passwords di solito date dai costruttori, ma nulla.

errore password

Non perdo la calma e ritento a resettare la macchina pensando che forse il reset non è andato a buon fine, ma il risultato è lo stesso.

Torno dunque sul motore di ricerca e cerco di essere il più specifico possibile. Alla fine trovo un forum dove un povero disgraziato come me ha passato le mie stesse pene. Due sono le risposte al quesito, ma è proprio quella scartata che mi consente di risolvere il problema: un utente, gli risponde invitandolo a visitare una pagina del costruttore, ma è una pagina help americana dunque in inglese.

Qui la password suggerita è un po' diversa: 'initpass'. La inserisco incrocio le dita, invio ethoilà! Accesso al pannello consentito.

Non è dunque sempre la password 'access' a consentirvi l'accesso alle vostre periferiche Brother. Forse, la mia proveniva dal continente americano o è stata fabbricata altrove. Tuttavia, la password era 'initpass'.

Spero di esservi stato utile e avervi fatto risparmiare qualche mezz'ora di tempo grazie alla mia disavventura! 


Se hai gradito l'articolo, condividilo, basta un click:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

  • logo teoca
  • logo arcotraslochi
  • materexcel collabora
  • koilab japan and tropical fish farm
  • logo flash pulizie
  • revolution srl
  • logo planetkoi small
  • logo elevatori sito
  • logo finiture
  • logo prontopro
  • montaggio mobili trento

Realizzato da: Daniele Gagliardi
Viale Monache 3 - 38062 Arco - TN
- Contattami -

Per essere più facile ed intuitivo, il blog fa uso dei cookie, piccole porzioni di dati che consentono di capire come gli utenti navighino e ne visualizzino le pagine. I cookie non registrano alcuna informazione personale sull'utente ed eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. La nostra Privacy Policy è cambiata (11/09/2019): Ti invitiamo a prenderne visione. Oppure visiona la nostra Cookie Policy (aggiornata il 17/10/2019):