WordPress - Trasferimento da locale a remoto

google-plus Scritto da .

wp-logoSe come me, avete iniziato a sperimentare l'uso di WordPress in locale, vi sarete accorti che poi tentare di portarlo su un server remoto non è una cosa così semplice. Forse WordPress è stato creato con la logica di essere 'costruito' direttamente su server? Comunque sia se avete iniziato lo sviluppo del vostro sito in locale o su un dominio di terzo livello e ora siete decisi a spostarlo, ecco alcuni utili suggerimenti:

plugin BackUpWordPress

La prima cosa che viene in mente, sopratutto se si viene dal mondo Joomla! è: come faccio a farne il backup e trasferirlo su server senza fare la copia via FTP e il conseguente caricamento su server? Esiste un plugin per WordPress che sia simile ad Akeeba Backup e crei un archivio onnicomprensivo di file e database e che mi permetta poi di scaricarlo da backend?

Al momento della stesura dell'articolo, non vi era una corrispondenza esatta con il componente per Joomla!, oggi invece esiste il plugin Akeeba Backup per WordPress.

La risposta è SI: esiste un plugin che fa queste cose anche se poi non permette il ripristino automatico del sito attraverso un comodo installer. Per questo bisognerà perderci un po' più di tempo...

Il plugin BackUpWordPress funziona davvero bene ed è molto semplice da usare. Per installarlo, andate sulla sezione plugin della vostra installazione di WordPress, Aggiungi nuovo e nella sezione apposita cercate 'backup'.

Tra i risultati troverete anche BackUpWordPress. Selezionatelo e fate Installa! Una volta installato (basteranno pochi minuti) attivate il plugin. Una volta attivato, da Strumenti selezionate 'Backups'.

Configurare il plugin

Dall'interfaccia del plugin, nella parte alta, sotto il titolo 'Gestione dei backups' troverete i backups pianificati. Qui potrete aggiungerne di nuovi, o selezionandone uno, accedere alle Impostazioni.

Le impostazioni sono davvero semplici, potete scegliere se salvare solo database, files o entrambi, con quanta frequenza effettuare il backup, quanti backups mantenere nella cartella remota e se inviare a un indirizzo mail di nostra scelta la notifica dell'avvenuto backup pianificato.

Una volta impostata a piacimento la pianificazione, per avviare il backup, cliccare su Avvia adesso. Una volta effettuato, sarà elencato nei backups eseguiti e sarà a vostra disposizione per il download!

Caricamento FTP dei file su server

Una volta scaricato scompattate l'archivio .zip e caricate sul server via FTP tutti i file eccetto il file .sql che è quello contentente il database.

Ripristino del Database

Terminato il caricamento, con phpMyAdmin (o qualsiasi software di gestione database) accedete al database del vostro servizio di hosting e importate nel database il file .sql

Finita l'importazione, entrate nella tabella prefix_options (dove prefix_ è il prefisso da voi scelto per l'installazione di WordPress) e cercate i record dove option_name corrisponde a siteurl e home e correggete il contenuto del campo option_value con http://www.ilvostrosito.com in entrambi i record.

Ora dall'url della vostra home, aggiungete '/wp-admin' inserite le vostre credenziali e il gioco è fatto. Siete riusciti ad accedere a WordPress in remoto.

Da qui, ottenuto l'accesso al pannello amministrativo di WordPress potete correggere i contenuti. Infatti purtroppo se avete aggiunto ad articoli e pagine contenuti e media, anche quelli punteranno al vecchio url e sarà dunque necessario aggiornarli, pena la visualizzazione dell'avviso di contenuti non caricati lato frontend.

In realtà, se navigate nel web trovate chi vi suggerisce di usare delle scorciatoie quali l'esecuzione di comandi SQL per correggere il problema, ma se è vero che da un lato aiuta, dall'altra a volte ha dei risultati inaspettati come la sostituzione del contenuto dell'articolo/pagina con la url del vostro sito!!!

Io preferisco agire a mano! A meno che non abbiate 100 o più pagine da modificare... 

L'alternativa al ripristino Database

PRIMA del caricamento con phpmyadmin, aprite il file .sql e con un qualsiasi editor di testo come notepad o Blocco note(Windows) o gedit(Linux) sostituire tutti i riferimenti alla vecchia url:

Sostituisci quindi http://localhost/ (ATTENZIONE!!! http://localhost/cartella/ se era installato in una cartella del tuo server web locale) con http://www.ilvostrosito.com/ .

Salvate il file e successivamente con phpmyadmin accedete al database del vostro servizio di hosting e importate nel database il file .sql

plugin Duplicator

Esiste un altro plugin che può aiutarvi nell'impresa di "spostare" il vostro sito online e lo fa in maniera molto più semplice ed intuitiva togliendovi il fardello del ripristino del database grazie ad un installer che sarà creato al momento del backup.

Se siete interessati a scoprirne il funzionamento, leggete l'articolo:

WordPress - Trasferire il proprio sito con il plugin Duplicator


Se hai gradito l'articolo, condividilo, basta un click:

Aggiungi commento

I commenti lasciati dagli utenti del blog sono sempre soggetti a controllo prima di eventuale pubblicazione. I commenti non considerati adatti per contenuti, spam o forma saranno eliminati e non pubblicati. Leggi i Termini e Condizioni di utilizzo per maggiori informazioni.


Codice di sicurezza
Aggiorna

  • logo teoca
  • materexcel collabora
  • logo flash pulizie
  • revolution srl
  • logo arcotraslochi
  • montaggio mobili trento
  • logo elevatori sito
  • logo prontopro

Prima di andartene...

Perché non rimanere in contatto?

Clicca sul pulsante "Mi piace" qui sotto per rimanere aggiornato su tutti i nuovi contenuti e ricevere notifica degli articoli interessanti che condivido giornalmente sulla Pagina Facebook dedicata al blog.

Puoi anche iscriverti alla newsletter e al nuovo canale YouTube di blog.dangerx82 così da rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti...

x

Per essere più facile ed intuitivo, il blog fa uso dei cookie, piccole porzioni di dati che consentono di capire come gli utenti navighino e ne visualizzino le pagine. I cookie non registrano alcuna informazione personale sull'utente ed eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Ti invitiamo a prendere visione della nostra Informativa sulla Privacy (aggiornata il 25/05/2020). Oppure visiona la nostra Cookie Policy (aggiornata il 17/10/2019):